Fallout 3 is out!

Ok già da un po’, lo so, però finora non potevi scrivere niente perché ero occupato a giocarci 😛
L’ho da poco finito (purtroppo senza comunque ultimare tutte le esplorazioni), e lo presento alla plebe con questo topic.

AMBIENTAZIONE:l’ambientazione fallout viene inventata (credo) col primo videogioco di fallout nel 1997, allora prodotto dalla interplay, da allora verrà adottato per tutti i seguenti fallout (2, 3, tactics..) e utilizzato in qualche gioco di ruolo pen&paper (tanto per avere un’ambientazione alternativa al solito fantasy). La data è post 2200, postnucleare, l’abitante della zona contaminata di tutti i giorni ha a che fare con problemi di acque e cibi contaminati dalle radiazioni, bestiame quasi inesistente e comunque sempre di brahim (tradotto “bramino” nel recente titolo, mucconi a due teste che danno carne e latte), niente alberi, verdure.. il pianeta (o almeno l’america) è roccia e terra, con qualche alberetto secco. Gli abitanti che vivono in condizioni ambientali forse migliori sono quelli delle vault. Prima della guerra nucleare furono create delle vault (Casseforti, letteralmente) sotterranee in grado di ospitare qualche stralcio di civiltà che sarebbe potuta vivere al sicuro e autonomamente, senza radiazioni o problemi di contaminazione, per molti anni, abbastanza a lungo per tornare sulla superficie terrestre quando il “nuclear fallout” sarebbe passato. Ci sono poi i predoni che vivono razziando i villaggi e aggredendo mercanti, i mutanti che apparentemente attaccano tutti a prima vista (verdi grossi forzuti e armati con mitragliatori a canne rotanti, bastoni chiodati o martelli da fabbro), e i difensori della giustizia sedicenti, l’enclave (da fallout3) e la brotherhood of steel, con tecnologie avanzate di armi e armature. Nel dopoguerra atomica america-cina non mancano le armi, quello che manca veramente sono i proiettili, per cui quando si tratta di picchiare, spesso e volentieri, si picchia con manganelli, mazze da baseball, chiavi, mattarelli etc, c’è sempre da stare attenti a armi fatiscenti che si rovinano facilmente e ripararle in continuazione, o con pezzi di altre armi analoghe o nei negozi specializzati.
Il look&feel della tecnologia “rimasta” dal passato è quello tipico degli anni 50-60, terminali perfettamente tondi, radio valvolari, musiche di ella fitzgerald, bob crosby..

STORIASiete nati in una vault e vi catapultate nel mondo esterno. Dovrete imparare a vivere e… spoiler, purtroppo vi ho già anticipato qualcosa, perché in fallout3 si parte da 1 anno, si scelgono le stat “S.P.E.C.I.A.L.” (Strength, Perception, Endurance, Carisma, Intelligence, Agility, Luck, ma non preoccupatevi, si trova anche in italiano), si parla con gli amici, si va al compleanno, finché un giorno Amata (il nome di una vostra amica), vi sveglia bruscamente dandovi una notizia. La storia si snoda tra città fatte di lamiera, macerie della vecchia washington, torri isolate, accampamenti di predoni e città costruite sui ponti con 4-5 capanne, potete scegliere di giocare sia da buoni che da cattivi, facendo esplodere una città costruita intorno a una bomba atomica inesplosa guadagnandovi i favori del cattivo di turno oppure disinnescando la bomba, come bontà suggerisce, entrambe le vie presentano pregi e difetti, entrambe portano a una conclusione differente e sono egualmente valide, non vi aspettate di fare i buoni perché “conviene” o viceversa.
Alcune quest sono davvero molto belle, enigmatiche, ben trattate e caratterizzate, insomma la solita storia, ormai avrete capito che sto gioco lo amo.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI:Difficile elencarle tutte. Devo dire che rispetto ai vecchi fallout 1 e 2 il gioco è molto innovativo ed è fatto sicuramente meglio. La storia è più articolata, il mondo è più caratterizzato, i personaggi reagiscono diversamente a seconda di chi tu sei, quanto carisma hai (o se magari sei un don giovanni, in quel caso hai dei dialoghi unici con le donne), dai tuoi tratti etc. Ma andiamo per gradi.
Il gioco è in prima persona, quindi devi muoverti nel mondo, camminare, saltare accucciarti etc. Questo talvolta rende un po’ noiosetto raggiungere dei posti lontani (unico difetto del gioco, comunque velato, in quanto i random encounter sono davvero vari e numerosi), ma mediamente si sopporta più che bene, e poi ci sacrifichiamo volentieri per avere un personaggio che si puà nascondere dietro alle rocce, che può camminare silenziosamente alle spalle dell’avversario (e magari aprigli uno zaino, metterci una granata a frammentazione attivata e allontanarsi aspettando che esploda da solo, hihi). Altra caratteristica importante sono i tratti che personalizzano il personaggio legati anche allo SPECIAL che si è scelto. Si può scegliere tra un quantitativo enorme di tratti, ma non si potrà avere un pg stupido e veloce a imparare, così come non si potrà fare il pg pistolero prima che sia veramente bravo nell’uso delle pistole. Si trovano anche dei tratti divertenti, come l’amico sconosciuto (ogni tanto appare un tizio col cappottone e una 44 magnum che ti aiuta a sconfiggere il nemico), la vedova nera o il don giovanni (dialoghi speciali con l’altro sesso, maggiori danni all’altro sesso), Furia nerd (un pg con scienza alta che dopo che scende sotto il 20% di vita dice “adesso basta bastonate” e guadagna forza e resistenza ai danni), carneficina (che fa morire in modo pittoresco le persone che vengono uccise da te, oltre a causare più danni) e tanti, tanti altri (elencati sul manuale).
Un’altra innovazione, per quelli che non amano il genere sparatutto legato ai gdr (personalmente amo entrambi quindi mi son trovato molto bene 🙂 ) è la modalità SPAV. SPAV sta per… boh non ricordo, ma è un sistema inventato dalle vault per facilitarti a mirare e sparare. Al dilà delle motivazioni ruolistiche, l’effetto finale è che entrando in modalità spav, alla visione di un nemico, si avranno un tot di punti azione e i target avversari con differenti probabilità di colpire a tronco, testa, braccia, gambe e le cose più disparate in animali e robot, trasformando in parte il gioco simultaneo in gioco a turni. Dico in parte per due motivi: 1) alla fin fine si possono combinare spav e non spav, la soluzione ideale per “fare più turni”, in quanto i punti azione si ricaricano anche mentre spari in modalità non SPAV, poi, in ogni caso, i riflessi del giocatore contano per avere l’iniziativa, cosa che non vale nei giochi a turni, dove l’iniziativa è affidata unicamente ai riflessi del pg, e non del giocatore.
Una cosa FONDAMENTALE ed estremamente innovativa sono le stazioni radio. E’ vero che praticamente sono solo due e una dice sempre le stesse cose (la radio dell’enclave), ma rendono incredibilmente l’idea dell’ambientazione. Intanto galaxy news radio si evolve durante il gioco, man mano che lo scenario cambia il dj (tre cani) cambia il notiziario di GNR, l musiche, rigorosamente anni 40-50, rendono un’ottima idea dell’ambiente, e per gli amanti del sadismo le canzoncine tranquille di quel tempo si abbinano perfettamente ai macabri sbudellamenti che un gioco probabilmente vietato ai minori è capacissimo di offrire. La radio dell’enclave invece manda musiche tipiche del patriottismo americano, e i messaggini del presidente Eden sono di rimarchevole ipocrisia, davvero da non perdere, così come il personaggio di tre cani è molto ben caratterizzato, e le musichine anni 50 mi hanno piantato una strana fissazione in testa che hanno reso definitiva la mia discesa all’antichità da metal–>De andre–>Guccini–>Bob crosby, chissà che finirò per ascoltare tra qualche anno!

Il pacchetto originale è un “cestino del cibo” di metallo che contiene il gioco, il manuale, la guida di sopravvivenza (che spiega come sono fatte le creature e le armi che si trovano nel gioco) e un bellissimo omino della vault con la testa molleggiata!

Qualche “manifesto” tratto dal gioco

Il video di apertura che introduce l’ambientazioneUn trailer rilasciato quest’anno, molto simpatico.

QUA trovate la presentazione ufficiale del gioco. Disgraziatamente la versione ad alta qualità del server italiano di fallout è al momento down (ma io ormai l’ho scaricata :P), quindi vi dovete accontentare di questo sito, con una pubblicità iniziale obbligatoria.

Per qualunque domanda sapete a chi rivolgervi